Image Alt

Fuschia Hutton

Vuoi conquistare i consumatori inglesi? Allora tieni a mente la regola d’oro della traduzione

Se la tua azienda guarda oltre i confini dell’Italia, probabilmente hai già iniziato a pensare alla traduzione dei tuoi testi. Bene. Forse però c’è una cosa che dovresti sapere: la maggior parte dei traduttori professionisti traduce esclusivamente verso la lingua madre (o dominante).

Questa è la regola d’oro della traduzione professionale.

Sono una traduttrice dall’italiano all’inglese, eppure molti clienti inglesi mi chiedono di tradurre i loro materiali verso l’italiano. Perché in fin dei conti tutti i traduttori sono bilingui, no?

Sbagliato.

Sono cresciuta parlando, pensando e sognando in inglese: fino ai 18 anni non sapevo nemmeno chi fosse Dante. Se ti rivolgi a un pubblico di lingua inglese, sono in grado di aiutarti. Se invece cerchi qualcuno che traduca i tuoi documenti dall’inglese all’italiano, ti serve un traduttore madrelingua italiano. Qualcuno cioè che è cresciuto parlando, pensando e sognando in italiano.

Ma perché è così importante?

Uno stile curato ha molte più probabilità di convertire i consumatori inglesi

I clienti si aspettano molto dai brand. Oggi infatti siamo circondati da una miriade di contenuti online e offline, e solo i testi più curati riescono a catturare l’attenzione delle persone.

Giustamente hai investito tempo e denaro nella creazione di testi efficaci: ora la traduzione in inglese deve essere all’altezza dei tuoi materiali, così potrà far breccia anche nel pubblico del Regno Unito e di tutto il mondo.
E una traduzione in inglese riesce decisamente meglio a un madrelingua inglese.

I miei genitori desideravano tanto partecipare a un wine tour in Italia e così, qualche mese fa, ne hanno cercato uno su Internet, confrontando i siti di due tour operator.

Il primo sottolineava una “grande attenzione ai dettagli”, ma nella versione inglese di questa frase “dettagli” va al singolare, non al plurale (si dice “attention to detail”, non “attention to details”). Questa piccola svista (insieme a molte altre, in verità) ha subito infastidito i miei: tutto faceva pensare che l’azienda non fosse poi così detail-oriented. C’era da fidarsi o c’era il rischio di un bidone?

Il secondo sito, pur avendo una grafica meno appariscente, era molto piacevole da leggere, perché concepito appositamente per i consumatori inglesi. Neanche a dirlo, i miei genitori hanno subito prenotato con questo secondo tour operator.

Se la prima azienda avesse investito in un traduttore professionista di madrelingua inglese, forse i miei genitori l’avrebbero scelta. Invece sono stati subito conquistati dalla concorrenza.

Peraltro i miei non sono certo dei grammar Nazi che si stracciano le vesti al minimo errore di ortografia. Ma secondo uno studio, ben l’82% dei consumatori inglesi diffida di un’azienda il cui sito web contiene errori di traduzione in inglese. Ahia!

Io stessa sono molto sensibile al tema e il post che stai leggendo ne è la dimostrazione. Anziché farne una mediocre traduzione in italiano, lavoro insieme a una traduttrice-copywriter di madrelingua italiana per far sì che questo articolo risulti accattivante e adatto al mercato italiano.

La traduzione professionale parla la lingua dei tuoi clienti, ma la dice lunga su di te

La traduzione dimostra quanto tieni alla customer experience. E quale cliente non vorrebbe un’esperienza d’acquisto piacevole?

Tradurre non significa semplicemente convertire parole da una lingua all’altra: un bravo traduttore madrelingua, infatti, sa scrivere in modo incisivo per far presa sul pubblico di destinazione.

La lingua italiana, si sa, ama le frasi lunghe e le parole lunghe. Un traduttore professionista dall’italiano all’inglese sa trasformare la prolissità dell’italiano nelle frasi brevi e di impatto tanto amate dai consumatori inglesi. Le parole di origine latina, più formali, diventeranno parole più semplici di origine anglosassone, solo per fare un esempio. Analogamente, un traduttore italiano professionista sa trasporre la concisione dell’inglese in un italiano elegante e raffinato.

I traduttori madrelingua sono più veloci ed efficienti: un vantaggio anche per te

Al di là della competenza linguistica e stilistica, è molto più facile e veloce produrre un buon testo nella lingua madre anziché nella lingua straniera.

I traduttori tendono a stabilire i prezzi in base alla velocità con cui traducono. A meno che non intendano svendere i propri servizi, generalmente si fanno pagare di più per tradurre verso la lingua straniera.

Se vieni a sapere da un tuo cliente che la traduzione non è fatta bene, dovrai sostenere costi aggiuntivi per far ritradurre il tuo testo. Oppure il prezzo da pagare sarà un altro: non riuscirai a ottenere la fiducia di nuovi potenziali consumatori inglesi.

In entrambi i casi ti ritroveresti in una situazione poco piacevole. Perché pagare di più per sistemare un lavoro fatto male, quando avresti potuto ricevere un lavoro a regola d’arte rivolgendoti a un traduttore qualificato e madrelingua?

Occhio a chi non applica il principio della lingua madre

Poiché la professione non è regolamentata, chiunque può proporsi come traduttore: non ci sono esami linguistici da superare e non bisogna per forza essere laureati in traduzione. Sui portali online si trovano orde di

D’altro canto, anche i traduttori madrelingua – non solo i non madrelingua – possono commettere errori di traduzione.

Per questo è importantissimo sincerarsi che il traduttore prescelto sia adeguatamente qualificato, verificandone titoli di studio, referenze di clienti o anni di esperienza. A tal proposito, The Institute of Translation and Interpreting ha realizzato una guida all’acquisto dei servizi di traduzione.

Poiché la regola d’oro è quella di tradurre verso la lingua madre, fai attenzione ai traduttori che sostengono di saper tradurre in entrambe le direzioni. Potrebbe essere indice di una mancanza di professionalità o di familiarità con questo settore, oppure potrebbe trattarsi di una persona che ha un bisogno disperato di racimolare qualche soldo su una piattaforma per freelance.

Il traduttore revisiona il proprio lavoro? Sostiene di saper tradurre qualsiasi argomento? Attenzione, perché di solito i traduttori professionisti sono specializzati negli ambiti in cui hanno studiato o maturato esperienza lavorativa pregressa. Te la sentiresti di affidare la traduzione di un referto medico a qualcuno che non si intende minimamente di medicina?

Va anche detto che esistono traduttori veramente bilingue, capaci quindi di tradurre in entrambe le direzioni (e dovrebbero essere in grado di dimostrartelo attraverso titoli di studio, testimonianze di clienti oppure un portfolio di lavori svolti), però sono una minoranza.

Google preferisce contenuti di qualità e ben tradotti

Lo sapevi che, nei risultati di ricerca, Google premia i contenuti originali e ben scritti? I contenuti duplicati hanno un ranking peggiore perché non sono considerati originali, e questo vale anche per quelli tradotti. Se la traduzione segue troppo fedelmente le regole grammaticali e il lessico dell’originale, verrà percepita come duplicato.

Oltre a garantirti una traduzione di qualità, lavorare con un traduttore che ha dimestichezza con la SEO – cioè l’ottimizzazione per i motori di ricerca – può aiutarti a individuare le keyword più adatte. Che potrebbero anche non essere una traduzione fedele di quelle originali.

In quali casi si può infrangere la regola d’oro e ricorrere a un traduttore non madrelingua?

Un momento. Fin qui ho ripetuto fino alla nausea che è meglio ricorrere a un traduttore madrelingua… e ora invece ti dico che a volte puoi anche non farlo?

Effettivamente per alcune lingue è difficile reperire un traduttore madrelingua, come ad esempio le lingue non europee di minore diffusione. In questo caso, rivolgersi a un traduttore non madrelingua potrebbe essere la soluzione migliore. Però mi raccomando, controlla le credenziali! Se per esempio ha superato un esame rigoroso come il Diploma in Translation del Chartered Institute of Linguist traducendo verso la lingua straniera, direi che ti puoi fidare.

Mia cognata ne è un ottimo esempio: madrelingua giapponese, traduce brevetti dal giapponese all’inglese. In un campo così tecnico, raramente si trovano traduttori madrelingua inglese. Sono comunque testi fortemente standardizzati, che seguono formule e regole molto rigide, e inoltre mia cognata fa controllare le sue traduzioni a revisori madrelingua. Ovviamente i materiali di marketing non si azzarda a toccarli e li lascia ai traduttori di madrelingua inglese!

I documenti a uso interno (ma magari non le newsletter per i dipendenti…) e le risposte alle e-mail possono tranquillamente essere tradotte da non madrelingua. In fin dei conti, sarebbe un po’ eccessivo pretendere che il personale di un hotel scriva un inglese privo di errori.

Ma se invece si tratta di un sito web o di una brochure, il cui obiettivo è conquistare consumatori inglesi? Non rischiare: proteggi il tuo brand e rivolgiti a un traduttore madrelingua.

Non vorrai mica finire in un articolo sugli , no?

E se il traduttore madrelingua non capisce il testo di partenza?

Forse hai paura che, se il traduttore non è di madrelingua italiana, non abbia una sufficiente comprensione dell’italiano per rendere giustizia al tuo brand. È una preoccupazione fondata: l’italiano è complicato e il registro formale in particolar modo può risultare difficile da decifrare.

Ogni traduttore che si rispetti, però, possiede una comprensione adeguata del testo originale. Anche lavorare insieme a una persona specializzata nel settore – marketing, brevetti o medicina che sia – può essere d’aiuto. Se il testo si presenta troppo insidioso, infatti, il traduttore si può consultare con una rete di specialisti di sua conoscenza, oppure può contattarti per avere chiarimenti.

Anche una certificazione può fare la differenza. Un professionista che ha conseguito un certificato specialistico come il Diploma in Translation dell’ITI oppure una laurea in Traduzione ha raggiunto il livello necessario per tradurre testi impegnativi. Allo stesso modo, l’appartenenza a un’associazione di categoria come il Chartered Institute of Linguists nel Regno Unito dovrebbe rassicurarti.

Questi erano i cinque motivi per cui scegliere un traduttore madrelingua (più una piccola eccezione alla regola d’oro)!

Vuoi raggiungere più clienti inglesi? Scopri di più sui miei servizi di traduzione in inglese qui.

Sorry, the comment form is closed at this time.